June 13, 2019

Please reload

Post recenti

Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino.

 

Dal Vangelo di Marco  1,12-15

 

Dopo che Gesù ebbe ricevuto il battesimo al fiume Giordano, ha inizio la sua vita pubblica nella quale sarà chiamato a testimoniare, in parole ed opere e nella sua Persona, quel Regno di Dio che si fa incontro ad ogni uomo di buona volontà. Tuttavia essa comincia in maniera sorprendente: la dimensione missionaria non può non essere preceduta da quella intimità con Dio che, poi, esige di essere annunciata con la vita.

Gesù non è stato esente da questa logica: ecco perché viene sospinto, dallo Spirito e nello Spirito, nell’essenzialità del deserto e in questa intimità estrema Egli verrà tentato dal diavolo così come viene tentato ogni cristiano che si sforza di vivere intimamente unito a Dio: non sarà una soddisfazione economica, o una riconoscenza sociale o, addirittura, il far a meno di Dio che potrà distogliere Gesù dalla missione che il Padre gli ha affidato e alla quale Egli non si sottrae: salvare l’umanità, anche a costo di perdere la propria vita pur di donare ad ogni uomo la vita, quella vera!

In Gesù si compiono le promesse antiche: il tempo della speranza si riveste di ulteriore certezza poiché veramente «il Regno di Dio è vicino», nel senso che si rende presente, visibile e sperimentabile nella persona di Gesù. Tuttavia vi è un rischio: che tale Regno possa restare «vicino», ossia esterno a noi, dinanzi o attorno a noi ma non dentro di noi!

Noi siamo chiamati a farvi parte, ma per essere cittadini di tale Regno, è necessaria la conversione e la fede nel Vangelo: se il Regno di Dio, reso visibile da Cristo, è il Regno dell’amore, della pace, della giustizia, della solidarietà e del perdono, ciò significa che dobbiamo convertire i nostri cuori ed essere altrettanto espressione di amore, di pace, di giustizia e di misericordia.

Solo così vivremo la bellezza di appartenere a questo Regno e di suscitare il desiderio di appartenervi negli altri, dal momento che Esso non conosce esclusioni od esclusività, ma è indirizzato a tutti gli uomini di buona volontà, di ogni tempo ed ogni dove.

Questa sì che è una «buona notizia»: nonostante tutto,l’Amore si è riversato e continua a riversarsi per le nostre strade inondandole di Luce, Pace e Senso!

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload